HOME CARE PREMIUM sta per finire?

Il pacchetto di servizi per gli anziani dedicato ai pensionati pubblici ed ai loro familiari è stato prorogato, ma non si hanno notizie di un nuovo bando

I l progetto di assistenza domiciliare voluto dall’INPS  per   ex dipendenti pubblici e loro familiari è stato prorogato a giugno 2017, ma non si hanno notizie di un nuovo bando per il 2017.

Chi usufruisce del servizio potrà continuare ad averlo almeno fino a giugno.

Ma chi ancora non lo conosce e vuole presentare domanda cosa deve fare? Aspettare il nuovo bando 2017.

Eppure rappresenta una risorsa utile per tanti anziani e per le loro famiglie, che si affianca ai servizi di cura erogati dai Comuni, anche per le sue caratteristiche innovative.

Il progetto prevede:

  • prestazioni socio assistenziali prevalenti con contributo economico mensile per 9 mesi erogato direttamente da parte dell’INPS gestione ex INPDAP (solo a partire dall’effettiva assunzione in regola di un assistente domiciliare, anche se assunto ad ore);
  • prestazioni socio-assistenziali integrative, che comprendono (OSS, centro diurno, ore di sollievo, accompagnamento/trasporto, pasti a domicilio);
  • ausili: si tratta di un piccolo rimborso (€ 200) per ausili (in genere quelli non compresi nel Nomenclatore Tariffario, i quali possono essere concessi agli Invalidi Civili indipendentemente dal progetto HCP);
  • domotica: è un rimborso (€400) per abbattimento barriere architettoniche all’interno dell’abitazione (può riguardare software per computer, Telesoccorso, automatizzazione saracinesche, ecc.

Possono usufruire del servizio

  • dipendenti e pensionati pubblici (utenti della gestione ex INPDAP);
  • i loro coniugi conviventi (anche se separati legalmente, purché effettivamente conviventi);
  • i vedovi di ex dipendenti pubblici, solo se percettori di pensione indiretta (reversibilità) dell’ex dipendente pubblico;
  • i loro familiari di primo grado (quindi solo genitori o figli), anche non conviventi; nel caso di figli minorenni il beneficio è esteso anche agli orfani di dipendente o di pensionato pubblico.

La domanda doveva essere presentata esclusivamente on line, accedendo alla sezione Gestione dipendenti pubblici  del sito dell’INPS (www.inps.gov.it) e seguendo le istruzioni per la compilazione della domanda; per effettuare la domanda il beneficiario (o un suo delegato) deve essere in possesso del PIN per accedere ai servizi on line.

 

Quando e come fare la richiesta

Ogni anno esce un bando che fissa la data di scadenza. Ogni progetto ha durata annuale.

Tutti i soggetti richiedenti o beneficiari, all’atto della domanda devono essere iscritti  nella banca dati della gestione ex INPDAP, cioè avere il proprio  nominativo  collegato a quello del dipendente o pensionato pubblico; sempre sul sito www.inps.gov.it nella sezione “Modulistica” è disponibile il modulo per l’iscrizione in banca dati da parte di coniugi o familiari di primo grado che intendono fare la richiesta di assistenza.

 

per approfondire visita il sito della guida ” Come rimanere a casa propria da anziani”

 

Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedinmail

Un commento su “HOME CARE PREMIUM sta per finire?

  1. Dalle notizie di stampa (non presenti sul sito INPS) sembra che martedì 28 febbraio, alle ore 11, presso Palazzo Wedekind, in Piazza Colonna 366, Roma, il Presidente dell’Istituto, professor Tito Boeri, e il Direttore centrale della Direzione “Sostegno alla non autosufficienza, invalidità civile e altre prestazioni”, dottor Rocco Lauria, presenteranno il bando 2017 Home Care Premium. Purtroppo la criticità del servizio è dovuta agli enti capofila (comune asl ecc) che nel caso dell’assitenza domiciliare, talvolta non riescono, dopo aver aderito al bando, a stipulare contratti con le cooperative erogatrici del servizio. Il servizio è pagato a consuntivo dall’INPS e quindi se per un periodo non è stato erogato per motivi organizzativi, le ore di assistenza (non fruite) non sono recuperabili. Questa è la situazione di alcuni zone (di roma). Nel mio caso (e in quello di altre persone della mia zona siamo a diversi mesi (relativi al precedente bando) di assistenza non erogata e nè recuperata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *