Blog Post

L’isolamento sociale fa male  alla salute quanto l’obesità e si combatte con la “rete”
CULTURA E RASSEGNA STAMPA, EVIDENZA

L’isolamento sociale fa male alla salute quanto l’obesità e si combatte con la “rete” 

Segnaliamo l’interessante articolo di DEBORAH AMERI, apparso su “Repubblica.it” l’ 8 agosto 2017, dal titolo

” Parenti e amici ci rendono più longevi”  che riporta i risultati di due studi della Brigham Young University (Utah),   presentati alla Conferenza annuale dell’American Psychological Association, sul tema della connessione fra salute e relazioni sociali.

Le conclusioni di queste ricerche confermano ancora una volta come curare i rapporti parentali e di amicizia, avere salde relazioni sociali,  sia un potente fattore preventivo per la salute: avere una rete di relazioni valide (  cioè su cui contare) contrasta l’insorgere di malattie ( con particolare riferimento alle patologie cardiocircolatorie) e riduce del 50% il rischio di morte prematura. “Essere soli è un pericolo per la propria salute quanto l’obesità o il fumoe  tutto questo ha delle ricadute enormi in termini di salute pubblica, tanto che si parla del fenomeno dell’isolamento sociale come di una vera e propria “epidemia”, che riguarda solo negli USA più di 42 milioni di persone.

Un fenomeno globale, destinato a crescere e che rappresenta una sfida anche per le nostre città italiane, dove colpisce  in particolare la popolazione anziana. Da tempo la Comunità di Sant’Egidio ha raccolto questa sfida,  ideando e realizzando il Programma ” Viva gli Anziani!”, che ha fra i suoi obiettivi primari proprio il contrasto dell’isolamento sociale.


Per saperne di più

Post Correlati

Lascia un commento

I campi richiesti sono contrassegnati da *

Il programma Viva Gli Anziani !

SERVIZIO INNOVATIVO PER IL CONTRASTO DELL’ISOLAMENTO, ATTRAVERSO LA CREAZIONE ED IL SUPPORTO DELLE RETI SOCIALI

Una città per gli anziani, una città per tutti

Scopri di più
Donazioni

Donazioni

La Comunità di Sant’Egidio è un soggetto collettivo. Ogni sua attività è frutto di un lavoro comune, della sinergia di uomini e donne di età e condizioni diverse, che, in maniera volontaria e gratuita, offrono ciò che vogliono e possono. Chiunque voglia contribuire è benvenuto.

Dona Ora